Perché Canale 5 voleva far sparire un mio video (e ha perso)

Alcune settimane fa mi è arrivato un reclamo per violazione del copyright nientemeno che da “Canale 5”.
Mi sembrava ovvio che avrei dovuto rinunciare al video in questione, soprattutto perché non era una notifica automatica dovuta a qualche algoritmo, bensì era il risultato di una ricerca manuale da parte loro. Ma la storia è andata in modo decisamente diverso.

Ebbene sì: qualcuno di “Canale 5”, dopo aver trovato il mio video su YouTube, ha evidentemente deciso che era meglio farlo sparire.
La ragione mi sfugge un po’, in realtà: era solo una serie di spezzoni tratti da una loro trasmissione televisiva scaricata dal loro sito, disposti in modo da dare un senso nuovo a ciò che era andato in onda.
Fatto sta che YouTube lo aveva direttamente eliminato dai video visibili, per la questione del copyright.
A me era dispiaciuto un po’ e sul momento ho pensato: “Pazienza!”

Ma riflettendoci su, mi sembrava che ci fosse qualcosa che non quadrava.
Facendo un po’ di ricerche, infatti, ho trovato che c’erano decine di migliaia di altri video tratti dallo stesso canale, ma questi erano sempre visibili.
Ho trovato anche migliaia di video tratti dalla stessa trasmissione, anche molto più vecchi del mio; ma questi erano sempre visibili.
Ho trovato anche centinaia di video sulla persona che ne era protagonista, ma anche quelli erano sempre visibili.

L’unica differenza sostanziale era che, tramite il mio montaggio dei vari spezzoni, questa persona appariva molto diversa rispetto all’immagine di lei che usciva agli altri video; appariva infatti equilibrata, saggia, di grande cultura e sensibilità. E soprattutto con qualcosa di interessante da dire e con una conoscenza davvero unica.

La cosa buffa è che nello stesso periodo avevo anche ricevuto notifica dal software che gestisce la sicurezza del mio sito che c’erano stati numerosi tentativi di accesso che potevano …far pensare male. Nel 99% dei casi, questi tentativi di accesso ai limiti della legalità provengono dall’estero – diciamo una decina ogni giorno.
Quella volta – e per l’unica volta- provenivano invece dall’Italia. Da una città che mi ha dato un po’ da pensare…

Non posso certo affermare che fossero collegati. Ma è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso.
Così ho deciso di affrontare la questione opponendomi al reclamo per violazione del copyright.

Su Youtube si legge infatti che si può usare legalmente materiale multimediale prodotto da altri e protetto da copyright, anche senza chiedere il loro permesso, in base alla dottrina del cosiddetto “fair use”. In determinate circostanze chiaramente descritte.

Il lavoro certosino che avevo fatto, ovvero cercare nel file tutti gli interventi del personaggio in questione e montarli in modo da mettere in luce qualcosa che nel complesso della trasmissione era stato assolutamente camuffato, ricadeva a mio giudizio in questo “fair use”.

Così, dopo aver argomentato approfonditamente il mio punto di vista, l’ho spedito a YouTube.


E nel giro di circa 30 giorni il reclamo e la conseguente scritta “diritti riservati in tutto il mondo” sono spariti… E il mio video è ritornato online! E senza violazioni di copyright!!

Ecco il video in questione:

che fa riferimento a questo post, in cui commentavo un po’ la serata da un punto di vista…. ‘matematico’.

Cosa ho imparato? Che la creatività viene premiata e che la ‘forza bruta’ non vince sempre.
Cosa non ho capito? Perché “Canale 5” o quelli del “Maurizio Costanzo Show” volesse far sparire proprio questo video.

Se qualcuno ha qualche ipotesi, sono tutto orecchi… Lascialo pure scritto nei commenti sottostanti!
E grazie per ogni condivisione…

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Comments 2

  1. Luca è chiarissimo….
    Sei tu il problema…. metti in luce degli aspetti che non dovrebbero essere evidenziati sulla salute (e non solo)….
    Non mollare!
    Un abbraccio
    Stefano

    1. Post
      Author

      Beh, Stefano, personalmente credo di non essere nemmeno un pesce piccolo, al massimo poco più che plancton!… Penso sia lei che volevano colpire, anche se non capisco come un solo video simile possa dare fastidio. Boh!? Grazie delle tue parole, ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *