“Connessi alla Terra” – Documentario (Sub Ita)

La tecnologia e la “scienza moderna” ci hanno allontanato dalle nostre radici più profonde.
E se fosse anche questa una delle cause delle nostre sempre più numerose malattie tipiche di noi uomini “civilizzati” e della nostra perdita di orientamento nelle nostre vite?

Nella medicina orientale è frequente incontrare il concetto di “Ki” ed è noto che anche tutto ciò che avviene nei nostri meridiani energetici (quelli che vengono stimolati tramite l’agopuntura, per esempio) avviene perchè ci sono una “energia del Cielo” e una “energia della Terra” che mettono in moto il Ki anche nel nostro corpo.
Ogni malattia o squilibrio nella nostra vita viene visto sostanzialmente come uno squilibrio del Ki.
Forse che ritrovare il contatto con la Terra, la madre nostra e di tutti gli esseri viventi, possa fare davvero bene? Magari possa far accadere addirittura dei piccoli ‘miracoli’?

In questo affascinante documentario vedrai con i tuoi occhi qualcuno di questi ‘miracoli’, avvenuti senza alcuna tecnica o tecnologia o conoscenza, ma solo il semplice contatto diretto con la Terra. Tale contatto è in grado di rivitalizzare piante, animali ed esseri umani.
Quale sarà il limite di questo essere “connessi alla terra”, se è possibile anche far camminare persino chi ha perso l’uso delle gambe?
Scoprilo con i tuoi occhi.

Forse potrebbe accadere anche a te?

I sottotitoli sono stati fatti da due carissime amiche, Cinzia Bigi e Margaret Straus, che potete contattare sul sito
http://www.metodogerson.org/ oppure sulla Pagina Facebook: “La Terapia Gerson”
A loro va TUTTO il mio ringraziamento. Grazie!

Attenzione! Per attivare i sottotitoli, occorre cliccare nell’interfaccia di Youtube sull’icona a forma di fumetto, di fianco a quella a forma di ingranaggio.
Con l’icona a forma di ingranaggio, invece, si possono attivare altre opzioni, come ingrandire il font, cambiare di colore, mettere un colore di sfondo a piacere, ecc.

Ecco il documentario… Buona visione!

Se ti è piaciuto e conosci qualcuno a cui farebbe bene conoscere questa storia, ti prego di condividere con i bottoni sottostanti. Grazie! 🙂

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *